CONFERIMENTO DELLA CITTADINANZA ONORARIA A LILIANA SEGRE

IL CONSIGLIO COMUNALE Evidenziato che – il Comune di San Giovanni in Persiceto ha da tempo avviato un percorso di valorizzazione di personalità del mondo dell’arte, dello sport, della cultura e dell’impegno civile attraverso il conferimento della cittadinanza onoraria che attesti il legame naturale tra la cultura di un territorio e i suoi testimoni; – il Comune di San Giovanni in Persiceto è medaglia d’argento per la Resistenza Nel richiamare – alcune delle cittadinanze onorarie concesse dalle passate amministrazioni: nel 1992 Giorgio Celli; nel 2002 Enzo Biagi; nel 2003 Giovanni Catti; nel 2007 Mario Rigoni Stern; nel 2014 Gabriella Boilini; – la tradizione antifascista del Comune di San Giovanni in Persiceto, che da sempre ha combattuto per la difesa dei valori della libertà e dell’uguaglianza, come attestato anche dalle diverse attività messe in campo e dalla costante partecipazione attiva sul territorio di associazioni quali ANPI, AKKATA’, LIBERA, AMNESTY INTERNATIONAL etc; – lo Statuto comunale agli articoli: . 4 comma 1: “Il Comune opera per la pacifica convivenza tra i popoli, con riferimento ai principi per l’unificazione europea, convivenza basata sulla giustizia sociale ed economica e sul reciproco rispetto culturale e religioso”; . 5 comma 1: “Il Comune fonda la propria azione sui principi di libertà, di eguaglianza, di solidarietà e di giustizia indicati dalla Costituzione e concorre a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che ne limitano la realizzazione”; Considerato che  – la senatrice a vita Liliana Segre, come primo atto legislativo, propone l’istituzione di una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza; – il 30...

PIÙ INVESTIMENTI A TUTELA DEL NOSTRO PATRIMONIO SPORTIVO

Richiamata la comunicazione inviata al Sindaco in data 12/11/2018 dalla Società Sportiva Dilettantistica F.C. Persiceto ’85 – protocollo n. 0047653, nella quale si evidenzia in premessa quanto segue: –       da oltre trent’anni la Società F.C. Persiceto ’85 ha sempre sentito il centro sportivo come fosse “casa propria”, cercando di averne cura ed apportando migliorie, attraverso autofinanziamento, che hanno reso accogliente e sicuro ogni spazio utilizzato e vissuto dai bambini; –       da sempre il primo obiettivo è stato quello di avere un occhio di riguardo per i più piccoli, dedicando loro attività ed istruttori qualificati; –       l’F.C.Persiceto’85 è riconosciuta come Scuola Calcio di Élite della FIGC; –       negli ultimi due anni, grazie al potenziamento delle strutture al servizio della scuola calcio, sono raddoppiati i bambini nella prima fascia di età che svolgono attività presso la loro Società e presso le strutture sportive da loro gestite. Tale comunicazione rimarca inoltre alcune grosse difficoltà strutturali, di fronte alle quali l’ attuale Amministrazione non può in alcun modo sottrarsi: –       la palestra dell’Istituto Malpighi, sita in via PIO IX, attualmente utilizzata per i bambini più piccoli, essendosi raddoppiate le iscrizioni negli ultimi due anni, risulta  ad oggi assolutamente insufficiente per lo svolgimento delle attività di base; –       le strutture affidate in gestione alla Società, causa normale usura temporale, sono ormai al limite della sicurezza, certamente non più adeguate ai tempi ed allo standard di eccellenza duramente conquistato dalla Società e giustamente garantito a tutti i ragazzi. Ci sembra doveroso rimarcare come la serietà e l’affidabilità della Società F.C. Persiceto ’85, grazie a tanti volontari ed alle molteplici iniziative, non può essere messa in...

TUTELIAMO IL PROGETTO ALT-STAZIONE – SALVIAMO 2.791.260,00 euro

Premesso che: –         È passato in esame alla Camera il disegno di legge che prevede il blocco per due anni del finanziamento di 1,6 miliardi di euro destinato ai progetti vincitori del Bando Periferie: il testo differisce al 2020 l’efficacia di 96 delle 120 convenzioni firmate nel 2017 dai Sindaci e dal Governo Gentiloni; –         Al piano per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie sono stati destinati complessivamente 2,1 miliardi di euro: la Legge di Stabilità 2016 ha stanziato i primi 500 milioni di euro e nel giugno 2016 è stato pubblicato il Bando. Successivamente sono stati destinati ulteriori 1,6 miliardi di euro per poter realizzare tutti i 120 progetti presentati dai Comuni. Le due tranche da 800 milioni di euro sono state finanziate dal Fondo Investimenti (istituito dall’articolo 1, comma 140 della Legge di Bilancio 2017) e dal Fondo sviluppo e coesione; –         Le prime 24 Convenzioni tra la Presidenza del Consiglio e i Comuni sono state firmate nel marzo 2017, le altre 96 nel dicembre 2017. Il blocco non riguarda i primi 24 Comuni, che possono quindi procedere con l’attuazione del piano, ma i successivi 96, che dovranno “rimodulare gli impegni di spesa e i connessi pagamenti” nei prossimi due anni; –         La decisione di sottrarre le risorse ai 96 progetti già approvati per riassegnarle differendole di 2 anni, è stata motivata dal Governo strumentalmente con il riferimento alla sentenza n.74 del 2018, con la quale la Corte Costituzionale ha giudicato illegittimo l’articolo 1, comma 140 della Legge di Bilancio che ha istituito il Fondo Investimenti senza però il previo confronto e l’intesa con le...

INSIEME PER UNA PERSICETO PIU’ SICURA

In riferimento alla Commissione Bilancio dell’Unione Terred’acqua riunitasi martedì 24 luglio 2018 alle ore 18.30 presso la Sala Giunta del Comune di San Giovanni in Persiceto, il Sindaco Lorenzo Pellegatti, in quanto Sindaco delegato al Bilancio dell’Unione, ha comunicato che l’avanzo di 700.000,00€ verrà applicato per la progettazione, l’acquisto e la messa in posa di nuove telecamere di videosorveglianza da distribuire su tutto il territorio dell’Unione. Il criterio di riparto dell’avanzo avverrà secondo il numero di abitanti risiedenti in ogni Comune dell’Unione pertanto questo porterà al Comune di San Giovanni in Persiceto 233.000,00€. Considerato che i Sindaci dell’Unione si sono dati come scadenza per la presentazione dei singoli progetti il mese di Settembre, nel ritenere assolutamente importante la cifra che verrà impiegata sul nostro territorio per un progetto volto ad un maggiore controllo e sicurezza, considero inaccettabile che, a scadenza fissata pera presentazione del progetto, ovvero Settembre, nessun organo collegiale come le Commissioni consiliari ed il Consiglio stesso, fino ad oggi, fine luglio, non siano mai stati coinvolti. Sono pertanto a chiedere al Sindaco – come mai nessuna Commissione consiliare sia mai stata coinvolta nell’ideazione di tale progetto; – se non ritenga opportuno che un argomento di tale importanza come la sicurezza dei cittadini, non debba essere discusso ed affrontato in Consiglio comunale affinché si possa arrivare alla presentazione di un progetto...

UN POLO CULTURALE PER PERSICETO

Premesso che: –  le passate amministrazioni e l’attuale gruppo democratico, da sempre hanno creduto e lavorato per rafforzare e promuovere il sistema museale locale attraverso politiche finalizzate all’arricchimento dell’offerta culturale valorizzando il patrimonio presente sul nostro territorio al fine di ampliare la conoscenza della nostra storia; – nel Documento Unico di Programmazione presentato dalla scorsa Amministrazione in data 17/12/2015 vi era come obiettivo di mandato l’apertura nel complesso di S. Francesco di uno spazio polifunzionale per mostre, concerti ed eventi culturali; – questa intenzione di restauro conservativo e recupero dell’ex chiostro e annessa ex chiesa di S. Francesco è stata confermata anche nel programma presentato dalla nostra coalizione per le elezioni amministrative del 2016 al fine di realizzarvi un vero e proprio polo culturale per Persiceto; Sottolineato che nel Documento Unico di Programmazione 2017/2021 di questa maggioranza e successiva nota di aggiornamento per il triennio 2018/2020 presentata in data 22 febbraio 2018 non vi è alcun riferimento all’utilizzo che si intende fare del complesso di S. Francesco; Considerato che nella delibera di giunta nr. 46 del 27/03/2018, nella quale si approva la proposta avanzata dall’Agenzia Territoriale per la sostenibilità alimentare, agro-ambientale ed energetica (AGEN.TER) di valorizzare il Museo del Cielo e della Terra attraverso la creazione di un percorso sperimentale per le vie del paese che avrà come filo conduttore un enorme atomo di Carbonio, disegnato in scala sulla mappa del centro storico il cui nucleo sarò posto al Planetario ed i suoi elettroni saranno le principali sedi museali locali così da collegare tutti i punti culturali del territorio con esperienze ed approfondimenti scientifici; Si prende atto con piacere...